Logo DanIdeArt.it DanIdeArt.it
Pietra di luna

Detta anche "adularia", fa parte della famiglia dei feldspati, un silicato di potassio e alluminio con qualità da gemma, che si trova anche nelle Alpi Europee vicino al gruppo di Adula - di qui il nome "adularia". Un altro nome della Pietra di luna è “Selenite”, derivato da quello della dea greca della Luna, Selene.

Può essere opaco incolore o bianco azzurrognolo con un leggero riflesso madreperlato azzurro-verde: il suo sfavillio è vitreo e molto vivo.

Allo stato grezzo, le Pietre di luna hanno un aspetto molto ordinario ed è difficile esaltarne la bellezza, il misterioso gioco di luci può essere rivelato solo dall'esperienza e abilità del tagliatore. Le Pietre di luna classiche sono tagliate sempre a cabochon. In questo caso è essenziale che l'altezza della pietra sia quella giusta. Il tagliatore dovrà inoltre tener presente che dovrà posizionare l'asse cristallino esattamente allo zenit della pietra, perché solo così si avrà l'effetto desiderato del gioco di luce.

La Pietra di luna mostra come sua principale caratteristica appunto un gioco di luci quasi magico. Deve il suo nome a questi misteriosi riflessi che assumono un aspetto diverso quando la pietra cambia posizione muovendosi.

In epoche passate si pensava che le fasi di luna crescente e calante potessero essere collegate a questo fenomeno.

Il termine "adularescenza" descrive esattamente la sua tipica lucentezza. L'origine di questo fenomeno si deve alla struttura interna della gemma a scaglie o lamelle. I raggi di luce, arrivando, vengono rifratti all'interno della pietra e sparpagliati. In questo modo si crea quindi un gioco di luci unico, che rende la Pietra di luna così speciale e desiderata.

La luce di una Pietra di luna è veramente qualcosa di speciale nell'affascinante mondo delle gemme.

Poiché le pietre di luna di buona qualità sono diventate sempre più rare recentemente, il loro prezzo è salito di conseguenza. Gli esemplari più belli sono quelli che, come il loro stesso nome indica, ricordano la luce vagamente azzurrognola della luna.

Le pietre di luna provenienti dallo Sri Lanka, il paese d'origine classico per le Pietre di luna, hanno riflessi azzurro pallido su uno sfondo quasi trasparente. Gli esemplari provenienti dall'India mostrano giochi di luce ed ombra simili a nuvole su fondo beige, verde, arancione o bruno. Questi colori tenui combinati con la sottile lucentezza rendono la Pietra di luna una pietra ideale per gioielli di carattere femmineo e sensuale.

Questa gemma è stata per un certo periodo estremamente popolare, circa cento anni fa all'epoca dell'Art Noveau. Veniva usata come decorazione in una impressionante quantità di gioielli creati dal famoso Mastro Orefice francese René Lalique e dai suoi contemporanei. Questi pezzi si trovano oggigiorno soltanto in musei e collezioni private.

Molte connotazioni magiche e mistiche circondano questa pietra. In molte culture, come ad esempio in India, è considerata una gemma sacra e magica. In India la Pietra di luna viene apprezzata anche come "pietra dei sogni", in quanto si suppone porti a fare sogni dolci e belli.

Secondo una leggenda indiana la pietra compare sulle rive del mare solo 5 volte all'anno e solo nelle notti di luna nuova, la fortunata fanciulla che ne raccoglierà una riuscirà a sposare un re. La pietra è strettamente legata all'universo femminile, alla crescita ed all'evoluzione, è la personificazione della luce che dà vita.

Nei Paesi Arabi ed India le donne spesso portano Pietre di luna cucite ai vestiti o alle camicie da notte, perché in quei luoghi questa gemma è considerata un simbolo di fertilità.

La Pietra di luna simboleggia una visione olistica dell'uomo e della donna. La sua lucentezza soffusa accompagna le tendenze emotive e sognanti di una persona. Le associazioni che ne derivano rendono ovviamente la Pietra di luna la gemma ideale per gli innamorati, in quanto si ritiene che susciti sentimenti di tenerezza e protegga il vero amore. Si dice anche che indossare una Pietra di luna acuisca l'intuizione e la sensibilità verso gli altri.

Già da qualche anno si trovano in commercio esemplari verdi, azzurri e pesca o fumé e champagne, neri e rossicci, che vengono prevalentemente dall'India. Alcuni di questi non solo mostrano il tipico gioco di luci fluttuanti, ma anche un occhio di gatto o una stella a molti raggi. Queste pietre quindi non sono solo tagliate a cabochon, ma anche in intricati cammei, a volte scolpite come volti di bambino, di luna o di gargouille. Mostrano anche il gioco di luci tipico delle Pietre di luna, come le sfere e i grani di materiale adatto per essere infilate in collane di fine fattura.

I principali giacimenti si trovano in Birmania, in India, in Sri Lanka (Ceylon), nel Madagascar, in Brasile e in misura minore in Norvegia, Svizzera, USA, Australia, Myanmar.

Le pietre di luna classiche, azzurrognole e trasparenti, vengono dallo Sri Lanka.


Mostra articoli con: Pietra di luna
Torna ad elenco piete.